Devil's Bay: Mage

The day the world is going to end

Molte persone arrivano a Black Isle: già da giorni si percepisce che sull’isola sta per succedere qualcosa di grosso. A Midnight land i ciccioni si divertono nel parco giochi a tema, fra finti licantropi e vampiri; mentre in un’attrazione, lontano dagli occhi dei visitatori vi è una vera strega che uccide veri bambini. Malia fa una ricerca per scoprire di chi siano gli ultimi due nodi rimanenti. Lei e Thomas cercano inoltre di far passare tutti gli esami a Kaito truccando la banca dati dell’università, ma il venerabile Yamato li riprende.

Proprio nel mezzo del discorso chiudono la bocca a Kaito, Thomas ed il venerabile Yamato parlano della questione del Leviatano. Malia, compiendo la sua ricerca sui nodi, entra con la mente nel pc, dal suo sanctum: nel mondo della rete vede un’altissima torre, come uno spillo bianco che esce da un tornado multicolore. All’interno di questa torre d’avorio cibernetica vi è il nodo tanto agognato che si scopre essere di Churcill. Nemmeno fatto in tempo a scoprire questo che dei mastini cibernetici la inseguono mentre lei cerca di disconnettersi. I tre mastini cambiano colore ( essi sono parte dell’ICE, programma “Intruders Countermeasures”) ed il suo avatar viene sbrindellato.

I tre compagni corrono nel suo demesne e la vediamo seduta e connessa alla rete, mentre le ferite compaiono sul suo corpo. Churcill tenta di tenerla dentro, mentre il dottore da fuori prova a liberarla. Scompaiono i cani ed appare Win su un trono d’ebano che getta una corda accalappiando al collo Malia e trascinandola con essa. La costringe così a visitare dall’alto la torre: lei si trova dentro lo spillo visto in lontananza e le vengono mostrati questi gironi digitalizzati dove centinaia di persone vengono torturate da demoni virtuali. Win chiede a Malia che sia lei che Snake tornino nei gunmen per lavorare sotto di lui: Malia dice di prendere lei e lasciare perdere Snake. Le viene spiegato che in quel luogo vi sono rinchiuse le prime vittime di Synapze e che si sta preparando un faro con un impulso per digitalizzare l’intera città, così da permettere a Win di diventare come un Dio, che ucciderà o salverà chi vuole in base alla sua volontà.

Poi lascia infine andare la catena e fa risvegliare Malia. Thomas la cura e gli altri si assicurano che stia bene. Malia chiama Snake ed i due riescono infine a parlare, venendo così a sapere del fatto che lui sta cercando di proteggere la rete. Kaito e Thomas vanno nel nodo, dove l’amico scopre che fra 50 giorni di tempo il ragazzo sarà ancora vivo, nonostante la sua grande preoccupazione in merito alla faccenda.

Intanto su Black Isle si riuniscono frotte di di persone per incontrare il “terzo venuto”: essi sono giunti in quel luogo a causa delle apparizioni di UFO nel cielo. Tramite varie interviste a persone del luogo che hanno interesse nel messia si capisce che esso è divenuto un fatto pubblico alle masse. Ma ecco comparire improvvisamente un’aura di “ottimismo” percepita sopra la chiesa da Kaito: i ragazzi corrono fuori e guardando il cielo scorgono una luce bianca, rivelatasi poi essere un uomo su un jetpack. E’ un uomo sulla quarantina, con i capelli bianchi sparati, camicia bianca e jeans, ed a vederne il viso sembrerebbe un uomo prossimo ad un infarto.
L’uomo scende e si presenta, si chiama Mark Lancetone e viene da Boston. Per lui il gruppo di maghi è costituito dagli araldi che annunciano la venuta del messia. Egli viene portato nella chiesa, dove rivela agli altri del culto del terzo venuto, di Alice, di Tetragrammatron e della battaglia contro la tecnocrazia. Parla inoltre di un’ascesi collettiva che dovrebbe tenersi il 22 Dicembre 2012. Malia entra nella sua mente tramite la magia e scopre che è un inventore squattrinato, che 10 anni fa ha trovato un volantino della chiesa del terzo venuto. Dopo essere andato alle riunioni dove vi era gente con i poteri, gli è stato detto che la sua possibilità gli sarebbe stata data quando gli UFO sarebbero apparsi a Devil’s Bay.

Il dottore parla con Murphy che vuole incontrare il messia e tutti discutono sul da farsi. Kaito parla e chiede consiglio al nonno riguardo alla scelta da compiere col Leviatano; Thomas parla con Marilena. Nel mentre vi sono dei paradossi in tutta la città ma non si sa dove il bambino possa essere. Kaito percepisce però la risonanza “malinconica” di Alice provenire da Black Isle, nel Grand Park, vicino all’hotel Salomé. Il gruppo si dirige lì il van e troviamo un raduno in stile figli dei fiori. Più all’interno vi è una fila di uomini in meditazione, a formare un cerchio che attornia Alice da sola al centro, vestita come l’avevamo lasciata.

Lei ci dice che non vuole essere toccata e ci racconta che è stata via centinaia di anni. Racconta che Tetragrammatron era la chiave per far risvegliare nel momento giusto i 5 magi, insieme a suo figlio. Infine, secondo la sua visione, ogni persona deve essere risvegliata così da creare infiniti cicli di realtà superiore, finendo a parlare di una ascesi collettiva per tutti. Suo figlio esiste infatti in diverse realtà, è slegato dal tempo. Il gruppo è posto quindi di fronte alla scelta di uccidere, risvegliare o lasciare sopito il Wyrm.

Il figlio non vuole però ancora parlare col gruppo mentre lei continua a proferire parole enigmatiche. Alice ormai non riesce a provare più niente per Marilena. Vi è un momento di commozione mentre usciamo dal parco: una folla di persone corre verso di noi e la polizia carica i malcapitati. I peli del collo dei presenti si rizzano ed una cupola blu elettromagnetica circonda proteggendo il parco e tutti coloro all’interno. Gli elicotteri neri passano sopra le teste dei presenti e l’agente Uvaspina compare davanti al gruppo; dove passa lei, la gente non la nota e la schiva istantaneamente.

Ella ci informa che la città ufficialmente non esiste più in nessuna cartina ed è stata ricoperta da un campo di non-esistenza da parte della tecnocrazia. Infine accade un qualcosa di inaspettato e l’agente viene portata via dall’aereo per essere rieducata nel centro tecnocratico. La polizia disperde la folla e la strada è vuota. Thomas parla col capitano Murray e Malia si spaccia per una degli affari interni. Thomas ferma il cuore di un tipo e si lamenta di come la polizia tratti i manifestanti, l’agente promette che sarà più buono in futuro.
Il gruppo entra infine in un locale russo li vicino, il Tetris, dove Kaito gioca e si addormenta ubriaco. Entra un uomo con la barba bianca e l’ombrello, è Lord Wardley e si siede ad un tavolo con noi. Kaito è ubriaco e parla con lui:

“ …Zzz…avEte teNtAto di ucCidercI! CoSì Non si fA…ronf…No nO!…zzZ…”

Egli dice di aver studiato occultismo ed esser diventato magio solo da poco. E’ stato infatti mandato dall’ordine come messaggero minore. L’ordine di attivare il Giannissario è perciò arrivato direttamente dalle alte sfere di Londra, poiché il gruppo ha dato del potere alla tecnocrazia. Lui non è però d’accordo con l’uso dell’Anasceso, inoltre i giovani gli piacciono perché gli ricordano lui. Parla così del nodo ermetico a Skull Island e vuole cederlo al gruppo: è stato incaricato di prenderlo, ma dubita di averne le capacità ed il merito. Tirando fuori una chiave con base a piramide ed un occhio e dandola a Thomas, decide infine di accompagnarci di persona al nodo.

Comments

Lord_MoltenPlastic StefanoAnnarumma

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.