Devil's Bay: Mage

CIcuta's Showdown

Malia e Thomas discutono all’interno del nodo: la prima vorrebbe cambiare l’animo di tutti i vampiri mentre il secondo vorrebbe stringere con loro un’alleanza. Tuttavia entrambi sono concordi nel voler porre dei limiti all’eccentricità del dottore.

Mentre Kaito continua le sue indagini sui bygones e gli UFO, il dottore si rilassa con le sue riviste eteritiche: sfoglia le pagine delle pubblicità e vede le notizie sul dottor Tagliazzi.

In seguito Kaito e Malia vanno da Robert, dato che la ragazza voleva farlo diventare vicesindaco della città, dopo aver ordinato dei vestiti su misura e fatto prendere al soldato le sembianze dell’attuale guida del consiglio cittadino: Malia teletrasporta quindi il vero vicesindaco nella loro camera. Così è Robert camuffato a parlare alla conferenza stampa, sia del parco di Rhoder Island che del ponte di Fallen Rock. Nel mentre la giovane costringe il vero vicesindaco a dire la verità e manda durante il discorso queste informazioni a robert. Infine il meschino uomo, macchiatosi di moltissime corruzioni durante il suo mandato, viene spedito a fare da pasto al Leviatano.

Nel mentre il Doc legge un’inserzione sul giornale per un team di ricerca scientifica e parla con Tagliazzi, che viene immediatamente trasportato nella camera di contenimento del gruppo: lo scienziato viene malmenato ed umiliato, dopo aver scoperto che da circa 6 mesi si era introdotto furtivamente nella chiesa piazzando delle telecamere attorno al laboratorio di Ivan e rubandogli così tutte le sue idee.

Scoperte le telecamere e protetto da altre intrusioni il pc, il gruppo fa registrare una confessione a Tagliazzi, che poi viene spedita online: l’uomo in erità voleva un riconoscimento dagli eteriti ed aveva chiesto aiuto alla tecnocrazia, tanto che i bot nel suo cervello si attivano per distruggergli la mente ora che è stato scoperto.

Ma Kaito con la sua magia riesce a fermarli mentre Malia fa il back up del suo cervello. Dopo aver minacciato di privarlo anche del suo membro virile, Doc e Thomas convincono Tagliazzi a fare una confessione pubblica agli eteriti in videoconferenza.

Questi dicono che Ivan avrebbe dovuto brevettare prima le sue invenzioni: tuttavia questi brevetti vengono sommariamente trasferiti al dottor Vanko e Tagliazzi viene punito col non poter più parlare per un anno ai convegni e non potendo pubblicare articoli.

Malia tuttavia mette una sonda spia nel cervello di Tagliazzi, per meglio controllarlo, e chiama Controllo: i due parlano di Tagliazzi, dei vampiri e di come sconfiggere Cicuta, il loro comune avversario. Si viene a sapere che lei si protegge con dei bambini e risiede nel parco giochi ormai chiuso.

Col potere di Thomas i membri del gruppo diventano tutti bambini, tramite Malia si annulla la loro firma mentale e Kaito fa scomparire la loro risonanza magica. Così tutti partono verso sud, per Rhoder Island.

Alla mattina presto si arriva al porto dell’isola e ci si inoltra dentro il parco giochi, facendo ben attenzione a non usare la magia. Il gruppo supera il castello di Frankenstein ed incontra dei bambini, Doc finisce così inseguito da alcuni di essi e chiuso in un bagno pubblico. Seguendo la scia di sangue il dottore e Thomas scoprono con l’uniforme da guardia di sicurezza e con tanti tagli profondi su tutto il corpo. All’interno del bagno, con al di fuori le voci dei bambini, il dottore uccide con un rasoio l’uomo ormai in fin di vita, che li aveva aggrediti credendoli una minaccia.

Una volta riuscito ad aprire il portone il gruppo si riunisce e ci si inontra nel castello di Dracula. Ologrammi di pipistrelli svolazzano nell’oscurità, mentre i giovani scendono sempre più nelle profondità delle cantine, dove risiede la malvagia strega. Qui appare una scena terrificante ed inaspettata allo stesso tempo: grida di uomini e guardie si sovrappongono alle trucide immagini degli strumenti di tortura usati per dilaniarli e squartarli, mentre al centro della sala, come una macabra comunione, Cicuta seduta su un trono beve da una coppa il sangue delle povere vittime inermi, passando di volta in volta il calice ai suoi piccoli schiavi.

Dopo essersi nascosti fra la folla, il gruppo attacca in contemporanea con la spada psichica, la spirit killer, il fulmine oscuro e l’attacco globulare dal guanto metallico, lasciando così devastato il corpo inerme della strega millenaria.

Il malefico incanto svanisce e Thomas li porta in salvo, non prima di aver passato una notte al fresco per un lungo nterrogatorio dalla polizia. Quella stessa notte Malia manda un messaggio al contatto del giornalista freelance e li informa del salvataggio dei piccoli.

Ma a poche ore di distanza la centrale della HARP segnala un’emergenza: il Reaper ha infatti ricevuto un avatar troppo grosso per la sua capienza ed il satellite cade sulla terra, creando un gigantesco cratere e liberando nella sua caduta tutti gli avatar accumulati fino a quel momento…

View
Busted !

Dopo il patto col Leviatano, il gruppo ritorno alla chiesa e Malia entra nella rete e continua le sue ricerche sui piani di Churchill. Mentre si discute sulla prossima mossa da compiere, Kaito si incontra con suo nonno e Thomas e condivide con loro la sua preoccupazione per qualche bygone che potrebbe sfuggire al controllo e causare panico e distruzione nella città.

Nel mentre si sentono degli schiamazzi da fuori la chiesa: sono i Gordon’s Patriots che hanno fermato un curioso giornalista che parla della chiesa invisibile e dei suoi potenti padroni. Il gruppo lo accoglie e conversa con lui.

Si viene così a sapere che il giovane giornalista li seguiva da tempo in tutti i luoghi in cui era successo qualcosa di paranormale ed aveva raccolto molte imformazioni e prove che lo hanno condotto fin alla chiesa. Il gruppo accetta di parlare con lui ed alcuni dei membri, Thomas in primis, accettano di essere cordiali e mostrargli i loro poteri, col pensiero che l’umanità deve prender coscenza della lotta contro il Wyrm per aiutare i quattro araldi.

Tuttavia non tutti i membri della chiesa sono d’accordo e si decide per ora che è meglio allontare il giornalista stupito da quello che stava accadendo intorno a lui, non prima che lui però ci avesse lasciato un suo recapito per contattarlo…

View
Countdown 0

Thomas vagava nel regno dei morti da molti giorni ormai, disperso fra i vari reami ed incapace di tornare indietro. Attraversava cunicoli, passaggi, tombe in rovina e lapidi con i defunti del passato e del futuro, fino a che, grazie ai suoi poteri magici, non riuscì a superare un varco e tornare nel suo mondo, sbucando nella chiesa sconsacrata.

Lì incontra Robert, tornato da un viaggio mistico in un monastero tibetano e Kaito, oltre agli altri compagni: dopo essersi consultati ed aver indetto una riunione con tutti gli altri membri del Consiglio, parlano dell’ordine del giorno, ovvero della scadenza del contratto col Leviatano.

Esso è un demi-dio, un Rakshaleda, una potentissima creatura del mondo degli spiriti che governa e semina distruzione: ma il tempo della titubanza è ormai finito ed il gruppo si dirige in un’oasi in mezzo al deserto, dove viene convocata la possente creatura.

Il patto viene completato, la mela viene consegnata ed il cielo si oscura per il corpo della possente creatura…odore di marcio, sangue ed acqua, corpi di marinai morti fusi con abitanti decaduti delle profondità marine: questo essere ha ormai acquisito un corpo e brama le vittime che per così tanto tempo non ha avuto la capacità di raggiungere con le sue fauci.

Ma grazie ad un discorso di Kaito, aiutato prontamente da Thomas e Malia, il gruppo riesce a stringere un’accordo col Leviatano ed impedire che la sua furia distruttrice si scateni.

La creatura degli abissi quindi si allontana sotto il controllo del gruppo, a patto però di non farlo mai scontrare direttamente contro il Wyrm, allontanando per sempre la minaccia della disfatta che incombeva sulle loro teste…

View
Revelations

Tornato da un recente viaggio in India per incontrare un maestro di meditazione tantrica, Robert si ricongiunge col fratello che gli parla del Club 27 e del successo che sta riscuotendo questo locale. Si parla di costruire nuovi alberghi, un aeroporto, ma ci vogliono soldi ed investimenti: nonostante ci sia di mezzo lo zampino della mafia, viene chiesto a Robert se potesse contribuire finanziariamente a questo progetto. Il giovane dice che ha bisogno di pensarci e che la somma di denaro gli appare al momento troppo ingente.

Dopo una partita a poker col fratello, l’ex soldato si dirige alla chiesa su Fallen Rock e scopre che l’ambiente è parecchio cambiato dall’ultima volta che era venuto. I Gordon’s Patriots, in adorazione davanti a delle statue che sembrano rappresentare i giovani maghi che vivono nella chiesa, hanno ripulito quasi completamente l’isola dagli splatterpunk e la situazione è decisamente migliorata.

Intanto Kaito è nel nodo e si mette in meditazione per comunicare con lo spirito dell’alabarda: lo incontra vedendolo com’era la sua forma terrena per la prima volta e, memore delle battaglie affrontate, il giovane prende la coraggiosa decisione di unirsi allo spirito per diventare più forte, in vista di una possibile battaglia contro il Leviatano, che ha minacciato di sterminare lui e la sua famiglia anche dopo la risoluzione del loro patto.

Il giovane si trafigge così il petto con la lancia e sviene inondato dal suo stesso sangue che schizza dal petto, sviene…e si ritrova a galleggiare in una buia acqua profonda…finchè non si sente leccare in viso…aprendo gli occhi scopre che si tratta di un gatto…

Kaito si rende conto di essere sulle rive di una delle isole di Devil’s Bay, molto lontano dalla chiesa: pur non sapendo come abbia fatto ad arrivare fin lì, il giovane risale i rifiuti abbandonati sulla spiaggia ed arriva su un molo illuminato dalle macchine che sfrecciano sulla superstrada, percorrendo lentamente nella notte il percorso verso il nodo di Malia, insieme al gatto.

Robert arriva alla chiesa e vede il dottore in laboratorio lavorare su un suo nuovo progetto, un armatura stile ironman mentre Kaito, fradicio e puzzolente, arriva in compagnia del gatto nel nodo dove si trova Malia ed i due discutono sul cosa fare con la mela rimasta.

Tutti i ragazzi si incontrano e discutono della situazione: il reverendo Seth Rushmore sembra essere perduto per sempre nell’oblio nefandico, mentre per lo shock subito Thomas è a letto addormentato e risulta ancora estremamente debole.

Il dottore, non rivelandolo agli altri, scopre inoltre di avere nel suo cuore delle parti metalliche e gli ritorna in mente lo stesso processo che l’Hit Mark 3° ed il suo surrogato avevano subito in precedenza a causa del paradosso.

Infine nel nodo di Skull Island si conversa col Baron Samedi che a malavoglia, dopo un offerta di brandy e sigarette, decide di accompagnare il gruppo nel regno dei morti per sistemare definitivamente la questione con la Pentex Afterlife…

View
The thin line between good and evil (WIP)
"Balancing on a blade between what's right and what is wrong..."

Photobucket
Un passo dopo l’altro, lentamente, la figura avanzava nel vicolo. La pioggia estiva martellava le strade, ma la figura sembrava non accorgersene nemmeno.
Si limitava a camminare, guardandosi intorno. Riconosceva quel luogo?
C’era già stata? Oppure la ricordava da una foto? Che importava?
Voleva vendetta. Non sapeva come aveva fatto a passare di nuovo “da questa parte”, ma ora che l’aveva fatto, avrebbe ottenuto quello che voleva. Vendetta.
A costo di farsi giustizia da sola.
Era un uomo, sui 35 anni, padre di una bambina di cui ricordava a stento il nome.
Ma era stato ucciso, non sapeva nemmeno lui quanto tempo fa. E i suoi assassini l’avevano lasciato lì, a morire, in un vicolo simile a quello in cui si trovava adesso. O forse era proprio quello il luogo?
L’uomo con la maschera gli aveva detto che sarebbe stato molto strano, e che non tutti i ricordi sarebbero tornati indietro, con lui. parte della moneta che aveva pagato, per tornare, era stata forgiata con i suoi ricordi.
Ma non aveva più importanza, ora. Doveva denunciare i suoi assalitori, farsi ascoltare dalla polizia, farli catturare e imprigionare. Oppure li avrebbe trovati lui.
Il suo incedere lento lo portò alla fine del viale, dove un bagiore accecante lo fece basrcollare indietro, prima di accorgersi che quella luce non gli faceva nulla, anche se ormai i suoi occhi erano al buio totale. Un furgone gli passò davanti, senza quasi vederlo, mentre dalla via principale in ccui si era immesso apparivano altri come lui.
Lenti, grigi, dimenticati.
Una processione lunga centinaia di metri diretta verso il centro dell’isola, alla quale si unì, per far sentire la sua voce, finalmente!

IMMAGINE
Il TG mostra le immagini dei “morti che camminano”. Non zombie, ma esseri fatti di “materia sottile”. Sono tornati, alcuni chiedono udienza per essere vendicati, altri vogliono solo tornare dai loro cari, altri vagano per la città senza meta, fingendo di essere ancora vivi.
Da Skull Island, Malia controlla se tramite l’inconscio collettivo riesce a reperire altre informazioni, ma non c’è nulla. Prova a contattare anche il reverendo Rushmore, ma la solita trasmissione non è in onda e lui non risponde al telefono. Prova allora telepaticamente.
Lui è indispettito: sta meditando sulla decisione che ha preso. Ha deciso di abbandonare il suo Dio, che è falso, effimero e inutile, per seguire la strada verso l’annullamento totale del mondo. Ha deciso di seguire il Wyrm.

Kaito nel frattempo cerca una qualcche risonanza spirituale e si vede attratto verso l’Umbra. Meditando, la sua mente vede Stigia, la città infernale, e lunghissime fila di anime che si dirigono ordinatamente verso la Pentex Afterlife.

Kaito e Thomas avvisano Malia e lei esegue un rito informatico: tramite la foglia dell’albero delle Mele d’Oro, può mettersi in ccontatto con lui.
Il guerriero dorato sta malee, sta morendo. inoltre il Barone Samedi è sparito: per questo le anime dei morti stanno tornando nel mondo, senza un guardiano, la Pentex può fare quello che vuole. Sta infatti traghettando gli spiriti in cambio di anime.
Intanto gli scarichi venefici della Pentex, ora più potente, stanno avvelenando tutto il Bosco dei Suicidi.
I due raggiungono quindi tramite il Demesne la ragazza, manifestandosi nel mondo degli spiriti come una folata di vento e una bruma mattutina.
Di fronte a loro il grande samurai dorato è in ginocchio, ma non è ferito anche se sta soffrendo. L’infezione è profonda ormai.
Thomas lo avvolge tra le sue spire, rallentando l’effetto del male venefico che lo percorre.

Kaito utilizza il suo legame con il Leviatano per contattarlo. Gli offre un lauto banchetto, non in cambio della risoluzione del patto, ma come offerta e aiuto. Divorare le anime dei Beccamorti e della gente che sta andando ad arricchire la Pentex anche in quella dimensione. Il mostro se ne va, senza però sbilanciarsi sulla richiesta di aiuto.
I tre poi si dirgono verso il centro della città, dove i Beccamorti stanno prendendo denaro spirituale dalle anime, le consegnano a dei contabili vestiti di rosso e poi stipano i morti in camion che viaggiano verso l’autostrada e il portale per il mondo dei vivi.
La loro attenzione viene però attirata da una figura che scruta dall’alto, da una balconata al 30esimo piano. È uno spirito, ma non ha nessuna risonanza magica. Thomas fluttua verso di lui, ma appena si avvicina al balcone un paio di cherubini demoniaci lo prendono di mira e lo inseguno. Sono veloci, ma Malia riesce a creare l’illusione di un’entità identica a Thomas nella loro mente e li distrae, sviandoli. Thomas ha quindi la possibilità di guardare meglio l’uomo.

View
Living machines

Dopo un lungo peregrinare col suo saggio maestro, Robert torna da un mistico viaggio in India, dove ha appreso molto riguardo al misticismo ed alle culture antiche. Tuttavia egli trova Devil’s Bay ancora più dismessa di come l’avesse lasciata: il pakistano che gestiva il suo negozio di gratta e vinci preferito era scappato in sua assenza e l’intera zona dove risiedeva era divenuta ancora più malfamata e pericolosa. Come se non bastasse, si rende conto che la sua azienda è fortemente in perdita ed incontra Manhattan Jandi per strada.

Il grasso indiano è infatti in cerca di un impiego, gli viene risposto di mandare pure il CV e che sarà ricontattato al più presto. Chiede inoltre che fine abbiano fatto Brown e Charlie e chiama Thomas alla chiesa per sapere le ultime novità accadute in sua assenza.

Intanto alla chiesa ognuno è intento nei propri affari: il dottore sta sistemando il sistema si sorveglianza e rendendo indipendente quello ausiliario, mentre Kaito ritorna pieno di ferite ed esausto uscendo dalla stanza del nodo. Alle richieste di spiegazioni di Thomas, il giovane gli dirà che ha trovato un luogo nell’umbra dove potersi allenare, sperimentando una nuova tecnica e si sta preparando nella peggiore delle eventualità contro il Leviatano.

Ma la chiaccherata dura poco, dato che si scopre che qualcuno ha rubato il surrogato del dottore, che ora si trova a Black Isle !

Attraverso un’analisi di Malia, si scopre che al suo interno non vi è nessun codice impiantato e che quindi il surrogato si sta autocontrollando: ha infatti attraversato da solo il portale ed ora si sta dirigendo a Gordon Island. Scoperto che il robot si sta dirigendo nel suo vecchio laboratorio, il dottor Vanko va a recuperarlo prima che possa causare danni.

Malia con i suoi poteri teletrasporta il surrogato nel nodo di Skull Island, dove l’intero gruppo gli parla e cerca di scoprire le sue vere intenzioni; nel mentre il dottore fa marcia indietro ed arriva sull’isola quando ormai è notte inoltrata ed una nuova festa si stava consumando sull’Isola del Teschio.

Ma Thomas ha già detto al surrogato che vi è una sua copia, un esperimento, che ha preso vita e riesce a mettere i due dottori l’uno contro l’altro. Ma il vero dottore lo fa svenire con la sua magia e distrugge il surrogato in un esplosione di sangue davanti a tutti i presenti. In quell’istante un pensiero balena nella mente del geniale Kaito, che usa il portale e corre nella chiesa a controllare le condizioni dell’Hit Mark rinchiuso.

Nel mentre nell’altro nodo scatta una violenta lite fra il dottore e Malia riguardo alla fine patita dal povero surrogato, che aveva sviluppato al suo interno una parte di coscienza e di caratteristiche umane: dopo un duello magico il dottore fa svenire la ragazza, che viene data a Snake li presente, mentre gli altri tornano indietro e raggiungono il giovane esorcista alla chiesa.

Sono tutti quindi testimoni di un altro incredibile evento: anche l’Hit Mark, per quanto fermo ed immobile, si è attivato da solo e sembra che stia pian piano diventando umano, come se la realtà lo stesse cambiando per accettarlo. Grazie all’idea di Thomas presa da un film, si decide di rilegare il pericoloso costrutto in un demesne isolato, protetto dalle barriere congiunte di Kaito e Malia.

Dopo questo evento Robert raggiunge gli altri alla chiesa e parla della proposta di fare un “Pactum”, avente come contraenti tutti i membri del gruppo, ma per ora la proposta viene bocciata. Infine Kaito si dirige nel nodo per provare a comunicare con lo spirito all’interno dell’arma donatagli dal maestro Wing, ma la comunicazione è come disturbata ed appare invece l’immagine minacciosa del Leviatano che gli ricorda il temine stabilito dal loro contratto per la cessione della mela d’oro…un mese esatto a partire da oggi…

View
Tick tock - the Doomsday clock
Dove si parla della fine del mondo, la rinascita dell'universo e si ferma un ammutinamento.

Photobucket

In televisione parte la sigla di “Why we pray”, il programma televisivo via satellite del Rev. Seth Rushmore. Cessato il rimbombo della musica da organo e scomparsi i titoli in font gotico, il reverendo appare col volto serio e gli occhi tremanti:

“Non c’è bisogno di ricordare i miei fedeli come io abbia sempre tentato di diffondere buone novelle, di portare messaggi di gioia e di pace per tutti gli uomini di buona volontà. Ma oggi, è con rammarico che devo pronunciare delle parole tali che ancora mi pesano il cuore. Io vengo per dirvi che il giorno del giudizio è stato deciso, è imminente su di noi – i nostri peccati saranno finalmente mostrati davanti al nostro Signore e noi dovremo renderci la responsabilità per ognuno di essi. Io ho parlato con il terzo Messia in sogno, e purtroppo ora questo sogno mi sfugge; ogni minuto che passa dimentico le sue parole, la sua stessa immagine mi è evanescente – il senso è però chiaro, io devo preparare il mio gregge al suo giudizio.”

Malia si rende conto, guardando il programma, che quello di cui parla il reverendo è il Terzo Venuto e capisce che la ragione per cui non si ricorda le parole dettagli è perché hanno eliminato la sua presenza dall’inconscio collettivo – l’Adepta virtuale, quindi, decide di liberare la mente del reverendo, il quale ha un malore ed è costretto a interrompere il programma.
Subito, Seth è contattato dal Concilio Provvisorio il quale gli chiede cosa il tunguskano gli avesse rivelato – il religioso ha un attacco di panico e rivela che l’obbiettivo del terzo Messiah a devil’s Bay era di dare inizio all’Ascesi Finale, ovvero il momento in cui l’universo attuale verrà piegato su di sé e nascerà il prossimo. Secondo la rivelazione, quest’Ascesi potrà avere luogo nel momento in cui saranno risvegliati contemporaneamente 999 Avatar, spiegando quindi l’interesse del giovane Messiah a risvegliare così tanti Avatar in così breve tempo – non a caso, aveva scelto la data del 22 dicembre 2012 come momento per questo giorno del giudizio. E non perché questa data abbia davvero alcuna mistica significanza, ma perché è la data d’apocalisse attualmente più vicina.
Seth Rushmore ha un crollo e comincia a dubitare della presenza di Dio nell’universo, dell’importanza dell’uomo nel disegno celeste e del perché l’universo debba continuamente rinnovarsi nell’eterno ritorno. tuttavia, rivela anche che quei 999 Avatar avranno il potere di formare il prossimo Universo e di decidere se esso sarà migliore o peggiore di quello attuale; gli Avatar Qlippotici, in particolar modo, trascineranno l’universo nell’oblio se essi saranno in maggioranza.

E’ in quel momento che salta la luce nella Cattedrale, subito parte l’energia di emergenza ma tutti cominciano a percepire delle variazioni nelle difese Mysticke predisposta a difesa. I sigilli cominciano a scomparire e le barriere si affievoliscono – il gruppo si accanisce a cercare di capire cosa stia capitando e riescono soltanto a capire che l’attacco proviene dall’interno. Finalmente, Kaito Minamoto riesce a individuare la traccia Mysticka lasciata da un Magio e a rinchiuderlo in una stanza, in quel momento, il Magio viene paralizzato da Thomas Youngblood con una magia indirizzata alla sua firma Mysticka.
Photobucket
Il Magio si rivela essere Omissis, un vecchio collaboratore di Malia e agente della Tecnocrazia. Nel momento in cui lo catturano, tutti quanti ricordano la sua presenza: egli era sempre stato presente, in ogni istante, ogni giorno, in ogni cosa fatta. Aveva visto e ascoltato ogni conversazione e ogni evento – per scomparire dalla memoria di ognuno poco dopo. Ad aspettare, attendere.
Subito si contatta Controllo, che non nega alcune delle accuse ma chiede anche che l’agente sia restituito ai Gordon’s Patriots e NSA che sono in attesa fuori pronti per l’attacco.
Il gruppo si rende conto in quel momento che i due gruppi, in alleanza con Omissis, erano pronti per sferrare un attacco contro la cattedrale e quei Magi che ormai vedono come demoni.

Si decide di parlare con Padre Thompson, il capo dei GP, il quale gli dice schiettamente che “la Cattedrale non fa più i nostri interessi”, e chiede che gli venga portato l’ostaggio Pvt. Talkalot.
Ivan Vanko scende alle prigioni ma trova solo gli Splatterpunk, ricoperti di sangue e merda, a sgranocchiare le ossa di quello che una volta doveva essere il soldato. Si aprono le prigioni e scortano i punx fino all’esercito che aspetta fuori.
Il Padre spirituale da’ l’ordine di ammazzare i Punx (eliminati a pistola in cranio sul posto), e si prepara per dare l’ordine anche di ammazzare i Magi.
Photobucket
E’ allora che Thomas fa spuntare delle ali d’angelo dalla sua schiena e da quella degli altri suoi compagni, all’inizio Thompson è sospettoso – conosce troppo bene i trucchi di cui sono capaci questi demoni, ma alla fine (con una piccola spinta mentale data da Malia) si convince della visione e si inginocchia assieme al suo esercito, ponendogli le armi ai piedi.

Omissis è restituito al NSA, mentre i Gordon’s Patriots riaffermano la loro alleanza alla Cattedrale.

View
A global consciousness

Skull Island è considerato il primo nascondiglio della nave del celeberrimo pirata E. Teach, anche conosciuto come Barbanera secondo la leggenda. Ma questo è solo un lontano ricordo, dato che l’isola è ormai la base di rave party notte dopo notte, con eventi che vedono protagonisti tutti i vari sottogruppi della popolazione locale in sfrenate nottate all’insegna della trasgressione.

Intanto alla chiesa parte dei Gordon’s Patriots sono partiti per azioni militari che vengono descritte all’orecchio del gruppo dal Pvt. Lincoln. Ci si dirige nelle segrete dove sono rimasti sei splatterpunk prigionieri: essi appaiono dimagriti, assiderati e lividi in volto e sul corpo. Thomas porta giù Lincoln e gli fa un discorso sulla violenza e sugli ordini da eseguire, prima di ucciderlo. A questo punto come dimostrazione il giovane sbatte il Pvt. Talkalot in cella, dato che si rifiutava di rivelare i nomi dei suoi compagni che avevano condotto questa spedizione punitiva e poi se ne va, mentre Kaito, avvicinatosi alla sbarre gli sussurra delle enigmatiche parole.

Mentre Malia e Thomas continuano con i loro discorsi il dottore ed il giovane giapponese vanno nel nodo per ricaricarsi. Ritrovatosi più tardi dopo essersi informati sul luogo da visitare e dopo essersi preparati a dovere ( fra abiti, orecchini, accessori vari, trucco e capelli colorati per tutti ) il gruppo parte. Quella sera si sarebbe infatti tenuta la festa Helzabopping, che riuniva sotto il suo stendardo tutti i punk della città, dai lollo, agli splatter ed ai tesla. Come se non bastasse, vi era un gran fermento sull’isola e molti turisti erano previsti in questa festa per la serata. una volta che tutti sono pronti, si parte con una motonave illuminata dalle brillanti luci al neon, guidata da Buzzkill e dal fido Manhattan jandi ( il più grosso indiano che tu abbia mai visto !!!). Gli occhi del teschio sono illuminati dalle appariscenti illuminazioni che colorano il cielo e l’acqua del mare, mentre l’assordante musica di generi diversi si mischia e confonde i sensi di coloro che si avvicinano all’isola.

Una volta messo piede sull’isola, vi sono una moltitudine di persone ubriache, strafatte, in fila, in piedi, sedute che ballano, urlano e si scatenano festeggiando. Dopo essersi messi d’accordo non certo nel migliore dei modi a causa della musica alta, Thomas e Malia si dirigono ad un baracchino dove prendere qualcosa da bere. Qui il barista, un certo Drake, che parla del Terzo Venuto e sembra saper praticare la magia, fa amicizia col giovane che gli fa ricrescere l’occhio perso tanto tempo prima. Thomas gli confida che lui ed i suoi amici sono gli araldi del Messia e che per evitare che scoppi il panico durante la serata, sarebbe stato meglio liberarsi temporaneamente degli “agnostici”, una particolare setta di punk presenti sull’isola, che erano intenti a preparare un piano per ostacolarlo.

Nel mentre il dottore e Kaito si dirigono verso una risonanza sentita dal ragazzo a nord dell’isola. I due si incamminano per corridoi cavernosi all’interno dell’isola, fino a trovare una camminata pieno di bar appariscenti, bui vicoli e rumorose discoteche. Un gruppo di tesla punk sembra venire verso i due proprio quando il giovane si sente una mano sulle spalle: è il Cap. Adam che si era mischiato alla folla ed era venuto a festeggiare insieme agli altri. Mentre il Capitano balla con Malia ed i ragazzi sono seduti in mezzo al frastuono delle sale, arriva improvvisamente Worderly, palesemente confuso e disorientato dal rumore e dal luogo in cui si trova.

Fatto silenzio tutto intorno grazie al dottore e potendo ora parlare, il Lord ci rivela che vuole unirsi a noi e ci conduce attraverso i vari cunicoli sempre più stretti e bui del complesso di caverne, che i giovani cercano di illuminare alla bella e meglio come possono. Rivoli d’acqua scrosciano dalle pareti, si attraversano lunghi corridoi e bivi, strade tutte uguali piene di stalattiti e stalagmiti, fino ad allontanarsi così tanto da non riuscire più a sentire nè la musica, nè altri rumori.

Improvvisamente l’impressione è come di trovarsi nel fondo di un baratro, come di essere diventati infinitamente piccoli, di essere come in un canale di energia statica: questa è la barriera che viene annullata dalla chiave a triangolo con l’occhio mistico ottenuta in precedenza da Thomas. Appare improvvisamente di fronte alla fine della caverna un portale, che conduce direttamente al nodo: al suo interno Kaito percepisce una risonanza “bizzarra”, capendo immediatamente che si tratta del Giannissario. Per alcune ore i giovani rimangono fuori a proteggersi e schermarsi, preparandosi per l’inevitabile battaglia che li aspetta, per poi varcare la soglia del portale.

All’interno del nodo appaiono centinaia di schermi televisivi fluttuanti, ognuno con immagini e scene differenti: film americani, marche, EA, McDonalds, guerre stellari, i film della Disney…Ognuno di quei schermi è una porta mentale verso l’inconscio collettivo. Ma il tempo di rimanere stupiti e poco, ed i ragazzi conducono un attacco di sorpresa, volando e spostandosi rapidamente da un luogo mentale e spaziale ad un altro, per combattere tutte le diverse maschere del Giannissario divisosi per fare da guardia a quel luogo. Immagini di cellulosa ed figure animate si susseguono in questa epica battaglia in cui il dottore col suo cannone all’antimateria, Malia con la sua spada psichica, Thomas con il suo “Sheer heart” e Kaito col suo “Fulmine devastante di Raijin” riescono ad avere la meglio, dando fondo alle loro abilità con le loro tecniche migliori.

Una volta finito il combattimento, l’esaltazione di aver conquistato un nuovo nodo è breve, dato che ci si accorge che l’inconscio di tutta l’umanità ha assistito alla battaglia. Malia ed il Lord decidono quindi drasticamente di cancellare dalla mente dell’umanità tutti gli eventi legati al Terzo Venuto.

Improvvisamente nella sala risuona la voce di Alice che ha parlato con suo figlio: ci dice che anche se ora egli è stato dimenticato, il suo dono è stato tolto, egli non scomparirà semplicemente col pensiero. Si è quindi sceso di non donare un’ascesi collettiva a tutti gli uomini. Ed il Messia ha accettato la nostra volontà.

Ma, nonostante la vittoria, la battaglia magica per decidere le sorti della città di Devil’s Bay e la conclusione della battaglia contro il Wyrm è tutt’altro che terminata…

View
The day the world is going to end

Molte persone arrivano a Black Isle: già da giorni si percepisce che sull’isola sta per succedere qualcosa di grosso. A Midnight land i ciccioni si divertono nel parco giochi a tema, fra finti licantropi e vampiri; mentre in un’attrazione, lontano dagli occhi dei visitatori vi è una vera strega che uccide veri bambini. Malia fa una ricerca per scoprire di chi siano gli ultimi due nodi rimanenti. Lei e Thomas cercano inoltre di far passare tutti gli esami a Kaito truccando la banca dati dell’università, ma il venerabile Yamato li riprende.

Proprio nel mezzo del discorso chiudono la bocca a Kaito, Thomas ed il venerabile Yamato parlano della questione del Leviatano. Malia, compiendo la sua ricerca sui nodi, entra con la mente nel pc, dal suo sanctum: nel mondo della rete vede un’altissima torre, come uno spillo bianco che esce da un tornado multicolore. All’interno di questa torre d’avorio cibernetica vi è il nodo tanto agognato che si scopre essere di Churcill. Nemmeno fatto in tempo a scoprire questo che dei mastini cibernetici la inseguono mentre lei cerca di disconnettersi. I tre mastini cambiano colore ( essi sono parte dell’ICE, programma “Intruders Countermeasures”) ed il suo avatar viene sbrindellato.

I tre compagni corrono nel suo demesne e la vediamo seduta e connessa alla rete, mentre le ferite compaiono sul suo corpo. Churcill tenta di tenerla dentro, mentre il dottore da fuori prova a liberarla. Scompaiono i cani ed appare Win su un trono d’ebano che getta una corda accalappiando al collo Malia e trascinandola con essa. La costringe così a visitare dall’alto la torre: lei si trova dentro lo spillo visto in lontananza e le vengono mostrati questi gironi digitalizzati dove centinaia di persone vengono torturate da demoni virtuali. Win chiede a Malia che sia lei che Snake tornino nei gunmen per lavorare sotto di lui: Malia dice di prendere lei e lasciare perdere Snake. Le viene spiegato che in quel luogo vi sono rinchiuse le prime vittime di Synapze e che si sta preparando un faro con un impulso per digitalizzare l’intera città, così da permettere a Win di diventare come un Dio, che ucciderà o salverà chi vuole in base alla sua volontà.

Poi lascia infine andare la catena e fa risvegliare Malia. Thomas la cura e gli altri si assicurano che stia bene. Malia chiama Snake ed i due riescono infine a parlare, venendo così a sapere del fatto che lui sta cercando di proteggere la rete. Kaito e Thomas vanno nel nodo, dove l’amico scopre che fra 50 giorni di tempo il ragazzo sarà ancora vivo, nonostante la sua grande preoccupazione in merito alla faccenda.

Intanto su Black Isle si riuniscono frotte di di persone per incontrare il “terzo venuto”: essi sono giunti in quel luogo a causa delle apparizioni di UFO nel cielo. Tramite varie interviste a persone del luogo che hanno interesse nel messia si capisce che esso è divenuto un fatto pubblico alle masse. Ma ecco comparire improvvisamente un’aura di “ottimismo” percepita sopra la chiesa da Kaito: i ragazzi corrono fuori e guardando il cielo scorgono una luce bianca, rivelatasi poi essere un uomo su un jetpack. E’ un uomo sulla quarantina, con i capelli bianchi sparati, camicia bianca e jeans, ed a vederne il viso sembrerebbe un uomo prossimo ad un infarto.
L’uomo scende e si presenta, si chiama Mark Lancetone e viene da Boston. Per lui il gruppo di maghi è costituito dagli araldi che annunciano la venuta del messia. Egli viene portato nella chiesa, dove rivela agli altri del culto del terzo venuto, di Alice, di Tetragrammatron e della battaglia contro la tecnocrazia. Parla inoltre di un’ascesi collettiva che dovrebbe tenersi il 22 Dicembre 2012. Malia entra nella sua mente tramite la magia e scopre che è un inventore squattrinato, che 10 anni fa ha trovato un volantino della chiesa del terzo venuto. Dopo essere andato alle riunioni dove vi era gente con i poteri, gli è stato detto che la sua possibilità gli sarebbe stata data quando gli UFO sarebbero apparsi a Devil’s Bay.

Il dottore parla con Murphy che vuole incontrare il messia e tutti discutono sul da farsi. Kaito parla e chiede consiglio al nonno riguardo alla scelta da compiere col Leviatano; Thomas parla con Marilena. Nel mentre vi sono dei paradossi in tutta la città ma non si sa dove il bambino possa essere. Kaito percepisce però la risonanza “malinconica” di Alice provenire da Black Isle, nel Grand Park, vicino all’hotel Salomé. Il gruppo si dirige lì il van e troviamo un raduno in stile figli dei fiori. Più all’interno vi è una fila di uomini in meditazione, a formare un cerchio che attornia Alice da sola al centro, vestita come l’avevamo lasciata.

Lei ci dice che non vuole essere toccata e ci racconta che è stata via centinaia di anni. Racconta che Tetragrammatron era la chiave per far risvegliare nel momento giusto i 5 magi, insieme a suo figlio. Infine, secondo la sua visione, ogni persona deve essere risvegliata così da creare infiniti cicli di realtà superiore, finendo a parlare di una ascesi collettiva per tutti. Suo figlio esiste infatti in diverse realtà, è slegato dal tempo. Il gruppo è posto quindi di fronte alla scelta di uccidere, risvegliare o lasciare sopito il Wyrm.

Il figlio non vuole però ancora parlare col gruppo mentre lei continua a proferire parole enigmatiche. Alice ormai non riesce a provare più niente per Marilena. Vi è un momento di commozione mentre usciamo dal parco: una folla di persone corre verso di noi e la polizia carica i malcapitati. I peli del collo dei presenti si rizzano ed una cupola blu elettromagnetica circonda proteggendo il parco e tutti coloro all’interno. Gli elicotteri neri passano sopra le teste dei presenti e l’agente Uvaspina compare davanti al gruppo; dove passa lei, la gente non la nota e la schiva istantaneamente.

Ella ci informa che la città ufficialmente non esiste più in nessuna cartina ed è stata ricoperta da un campo di non-esistenza da parte della tecnocrazia. Infine accade un qualcosa di inaspettato e l’agente viene portata via dall’aereo per essere rieducata nel centro tecnocratico. La polizia disperde la folla e la strada è vuota. Thomas parla col capitano Murray e Malia si spaccia per una degli affari interni. Thomas ferma il cuore di un tipo e si lamenta di come la polizia tratti i manifestanti, l’agente promette che sarà più buono in futuro.
Il gruppo entra infine in un locale russo li vicino, il Tetris, dove Kaito gioca e si addormenta ubriaco. Entra un uomo con la barba bianca e l’ombrello, è Lord Wardley e si siede ad un tavolo con noi. Kaito è ubriaco e parla con lui:

“ …Zzz…avEte teNtAto di ucCidercI! CoSì Non si fA…ronf…No nO!…zzZ…”

Egli dice di aver studiato occultismo ed esser diventato magio solo da poco. E’ stato infatti mandato dall’ordine come messaggero minore. L’ordine di attivare il Giannissario è perciò arrivato direttamente dalle alte sfere di Londra, poiché il gruppo ha dato del potere alla tecnocrazia. Lui non è però d’accordo con l’uso dell’Anasceso, inoltre i giovani gli piacciono perché gli ricordano lui. Parla così del nodo ermetico a Skull Island e vuole cederlo al gruppo: è stato incaricato di prenderlo, ma dubita di averne le capacità ed il merito. Tirando fuori una chiave con base a piramide ed un occhio e dandola a Thomas, decide infine di accompagnarci di persona al nodo.

View
Aftermath

Photobucket

Dopo quanto successo, la città era in subbuglio: la sparizione dell’aeroporto e gli avvistamenti di UFO nel cielo stavano sconvolgendo la rete. Articoli e video, foto e discussioni sui forum apparivano come funghi, per sparire poco dopo, misteriosamente.
Alla chiesa, il Il Concilio Provvisorio stava decidendo a cosa dare la priorità: La Rossa, la loro ingombrante vicina di casa, era una faccenda urgente, ma anche il figlio di Alice, con tutto il suo potere, non era una questione da sottovalutare.
Thomaschiamò Marilena per assicurarsi che stesse bene e per avere notizie dell’amica scomparsa.
Niente da fare: Mildred stava cercando informazioni in merito a Tunguska, alla festa che si era conclusa con quella tremenda esplosione e al passato della ragazza, ma non c’era nulla di rilevante.

Vista l’indecisione momentanea dovuta alle necessità di studio di Kaito e ad un recente virus contratto dal surrogato del Dottor Vanko, Thomas decise di sistemare una questione personale.
Invitò Malia 2.0 a parlare in privato per decidere le sorti del figlio che sarebbe arrivato 9 mesi dopo.
Insieme, scesero nella stanza del Nodo.
La luce verde derivante dal flusso magico riluceva sulle pareti.
“Io ti amo”, esordì lei.
“Ma mi hai tradito. Hai tradito la mia fiducia. Mi hai ingannato. L’amore si dovrebbe basare su altro, non credi?”
“Si, ma volevo un legame indissolubile con te. Era l’unica cosa che potevo fare”, si giustificò.
“Dovevi chiedermelo. Dovevamo parlarne. Come credi che possa crescere un figlio che non volevo? Un figlio che non siamo pronti ad avere?”
“Come fai a sapere che non sei pronto?”
“Guardati intorno! Non so nemmeno se sono in grado di proteggere me stesso, figurati una compagna e un figlio! È un lusso che non mi posso permettere!”
“Ma rimarremo qui, al sicuro…”
Thomas la guardò negli occhi, e una scintilla balenò nel suo sguardo.
“Questo è poco ma sicuro…”
La baciò, incanalando in quel bacio la quintessenza, traendone di nuova dal luogo in cui si trovavano.
La ragazza spalancò gli occhi appena ebbe compreso cosa stava succedendo, mentre il suo cuore rallentava.
Una lacrima scese lungo la sua guancia, mentre le forze la abbandonavano.
Scivolò in un sonno pesantissimo dal quale solo un altro bacio di Thomas l’avrebbe risvegliata.
Il ragazzo prese in braccio la donna che portava in grembo il suo futuro figlio, e le sussurrò in un orecchio “Mi dispiace, ma non sono ancora pronto.”
Scoperchiata la tomba in chi giaceva il suo corpo originale, vi adagiò le membra appena tiepide del clone di Malia, e si assicurò che il battito cardiaco, seppur debole, fosse ancora presente.
In seguito chiuse il coperchio di quella teca di marmo, e facendo appello ancora una volta ai suoi poteri, si concentrò.
Le mani rivolte verso il basso, afferrò qualcosa di invisibile coi pugni, che cominciarono a sanguinare. Piegò i gomiti a fatica, come se qualcosa stesse opponendo resistenza. In contemporanea, dal suolo si affacciarono alcuni germogli.
Ancora con più forza, riuscì a farli spuntare da terra, e finalmente levò le braccia al cielo, mentre piante di rovi seguivano quei movimenti, crescendo a vista d’occhio e avvolgendo la bara di granito, proteggendola.
L’impenetrabile cupola di spine era così fitta da non permettere di vedere al suo interno.
“Che chiunque si punga con queste spine cada in un eterno riposo che solo io posso interrompere”, sussurrò Thomas, mentre le ferite sulle mani si rimarginavano e la luce verde del nodo si spegneva, lasciando il ragazzo al buio, a contemplare sulle proprie azioni.

A indirizzare il gruppo verso il corso delle azioni da seguire, ci pensò Padre Thompson, che gridò dal cortile della chiesa.

Ha portato con se alcuni SplatterPunk, 15 vengono messi nelle segrete, mentre uno viene curato e portato in sala da pranzo.

Il Eottor Vanko insonorizza la stanza, e Thomas cominciana fare domande.
Il punk è totalmente fuori di testa, racconta di come la vera libertà sia quella indicata dalla sua padrona, in nome di un caos primordiale, scopo della sua esistenza.
Afferma anche di non aver paura di soffrire. Il dottore gli da un pugno e lo fa svenire, spaccandogli il naso.

Photobucket
Thomas lo fa rinvenire, e Malia in contatto mentale sonda il suo cervello.

Vede la Rossa, il luogo in cui si trova, con il corpo esanime di Zacheriah appeso al soffitto.
Parlano, e la Rossa svela il piano dei Nefandi: portare il caos totale e la fine del mondo. Poi la invita li, prima di lanciare un attacco psichico al tutti.
Thomas riesce a liberarsi, Kaito no.
“Malia, mandaci li!”
Con un incantesimo, la ragazza teasporta Thomas e Vanko al cospetto della Rossa, mentre isola cervello di Kaito, facendolo svenire.

Photobucket

Thomas e Vanko si trovano al cospetto della Rossa e tentano un attacco a sorpresa, che però non va a buon fine, e vengono crivellati di colpi dagli splatterpunk presenti.
Il Corpo metallico del surrogato si autoripara, e Thomas riesce a non svenire, ma ha il tempo di lanciare alcuni schizzi del suo sangue addosso a tutti, per poi curarsi con una magia.
“Aiuto, riportaci a casa Malia!”
Prima cheei possa salvarli, la Rossa utilizza il sangue di Zachariah per lanciare un incantesimo su Thomas, e far apparire su tutto il suo corpo dei glifi nefandici che lo bruciano, quasi uccidendolo.
I due engono riportati a casa appena in tempo.
Thomas riesce a far ripercorrere il tempo appena passato dal suo corpo all’indietro, ripristinando la sua situazione precedente.

Con un incantesimo congiunto il dottor Vanko e Malia creano prima una bomba al napalm potentissima e, con ancora le coordinate del luogo in mente, la spediscono dove si trovava Thomas fino a poco prima.
Una volta avvertita l’esplosione, Thomas chiede a Malia di portare li da loro la nemica.
La ragazza la teletrasporta nella camera di contenimento.
Sta morendo carbonizzata, e lontana dalla sorgere del suo potere, non può fare nulla per curarsi.
Thomas si assicura che il corpo sia davvero morto, e ne raccoglie un po’ di denti.

View

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.