Il giorno della cometa

Meteor earth dinosaur

A metà Dicembre 2011 una cometa, passata fino a quel momento inosservato agli occhi di ogni astronomo sulla terra, puntò direttamente su Devil’s Bay.
Due chilometri di diametro, la cometa rischiava di annientare la civiltà su tutto il pianeta e il panico si diffuse rapidamente. Venne subito attuato un piano d’emergenza, che consisteva nel lancio di una serie di testate nucleari per deviarne la traiettoria; nonostante questo tentativo, un pezzo di cometa venne giù nell’oceano Atlantico, causando uno tsunami diretto sulla città di Devil’s Bay.

Gli esperti di cospirazioni sapevano la verità: la cometa era stata mandata deliberatamente dalla Tecnocrazia, mediante l’installazione HAARP, per causare ingenti danni alla città e costringere il governo cittadino a passare il controllo alla FEMA.
Nel contempo, era stato preparato il teletrasporto di 3 HIT Mark per l’eliminazione di molti Magi chiave della città.
Il “giorno della cometa” (con nome in codice “operation plastic scissor”) era stato pensato come il momento culmine con cui finalmente la Tecnocrazia avrebbe preso il controllo della città.

Il primo assassinio avvenne poco dopo l’avvistamento della cometa: Wing Laoshi fu eliminato con un colpo alla tempia da un killer ignoto. Thomas Youngblood, tuttavia, riuscì a resuscitarlo – ma non prima che il suo Avatar venisse catturato dal potente satellite Reaper, mettendo fine alla natura di Wing come Magio.

Nelle ore seguenti, Ivan Vanko, Zecharia Azer e Kaito Minamoto si adoperarono in vario modo (e indipendentemente gli uni dagli altri) per proteggere la città dallo tsunami previsto.

Attorno al momento dell’impatto della cometa, apparve Cap. Adam! in volo sopra all’oceano (venuto per l’espresso desiderio di “cavalcare l’onda”). Il Capitano si caricherà a bordo Kaito Minamoto, Malia, Robert Thompson e Thomas Youngblood.

L’impatto della cometa causò un forte maremoto e l’alzarsi dello tsunami.

Durante il volo, lo zeppelin del Capitano fu intercettato da un elicottero della Tecnocrazia – venne a bordo l’Agente Melaverde con la proposta di un’alleanza tra la Tecnocrazia e i giovani Magi presenti – ma Thomas Youngblood, con l’aiuto dei suoi amici, decise di uccidere l’Agente.

Nel frattempo lo tsunami fu del tutto bloccato dalla congiunzione di un campo di forza creato da Ivan Vanko, una preghiera oscura invocata da Zecharia Azer e un serpente marino evocato da Kaito Minamoto (quest’ultimo visto da numerosi testimoni dormienti e causa di grande imbarazzo per la Tecnocrazia).

Lo spirito, presentatosi come Leviathan, ha promesso di agire per proteggere la gente della città in cambio di una Mela d’Oro di Stigia.

Photobucket

Pochi minuti dopo, la Tecnocrazia attuò la seconda parte dell’operazione: l’invio di 3 HIT Mark sulla città (uno alla Swanson Mansion, uno al Cliff Hotel dove era attualmente in riunione parte del Concilio dei Magi e uno alla Pentex Tower).
Nell’operazione i morti accertati tra i Magi sono stati 4: Lawrence, Rupert, Elias Pratt e Pantera Johnson.

Al termine del massacro, Thomas Youngblood, assieme ai suoi compagni, decide di firmare il trattato di alleanza con la Tecnocrazia.

Dopo il giorno della cometa la Tecnocrazia ha deciso di rompere le ostilità con la città di Devil’s Bay e di lasciare la sconfitta della Pentex in mano ai giovani Magi a loro alleati.

Il giorno della cometa

Devil's Bay: Mage Lord_MoltenPlastic EdoardoFusco